SPEDIZIONE GRATUITA IN ITALIA SOPRA I 59 € - ACQUISTA ORA

kmax_logo

Blog / Alopecia femminile: cause e cure spiegate dalla tricologa

10 marzo 2022

Alopecia femminile: cause e cure spiegate dalla tricologa

Cosa è l’alopecia femminile?

L’alopecia femminile, o alopecia androgenetica femminile, è un disturbo che si manifesta con un diradamento di capelli diffuso su tutta la superficie cutanea. A differenza dell’alopecia maschile, infatti, colpisce la zona frontale, il vertex e la zona occipitale. Si tratta di una patologia che si può verificare a tutte le età, ma risulta più frequente nelle giovani donne durante la pubertà o in seguito alla menopausa.

Alopecia femminile: cause

Come ci precisa la dottoressa Rosa Giannatiempo, medico tricologico specializzato in alopecia androgenetica maschile e femminile, la calvizie femminile è innanzitutto una condizione geneticamente determinata. Affinché si manifesti, quindi, è necessario che altre donne nella propria famiglia accusino la medesima problematica.

Accanto alla genetica, vi è anche un incremento della produzione di ormoni androgeni. Tale fenomeno prende il nome di iperandrogenismo femminile e si verifica quando in una donna vi è una produzione eccessiva di ormoni maschili e, nello specifico, di DHT. Convertito dal testosterone mediante l'enzima 5-alfa-reduttasi, il DHT (o diidrotestosterone) è annoverato come l'ormone responsabile dell'insorgenza della calvizie femminile e maschile.

alopecia femminile

Inoltre, vi sono altre cause che si possono sovrapporre all’alopecia androgenetica femminile provocando una caduta di capelli nella donna. Una fra queste è la sindrome metabolica che si manifesta con l’ovaio policistico, l’androgenismo e l’irsutismo. Se nel maschio è più facile individuare un diradamento, nella donna le cause possono avere origini differenti: metabolica e insulino-resistenza, genetica e aumento degli ormoni. Vi è poi anche un’altra tipologia di alopecia femminile che viene denominata così ma che è correlata alla cattiva produzione di estrogeni locali a livello della papilla dermica.

Dato che tutte si manifestano con un diradamento diffuso, stabilire qual è la tipologia di cui si è affette è indispensabile per attuare la terapia corretta.

Età e impatto emotivo

Molto spesso, quando si tratta di una vera e propria alopecia androgenetica, si manifesta con l’avvento della pubertà e del ciclo mestruale. La perdita di capelli ormonale incombe in una fase della vita delicata, in cui la giovane donna inizia a farsi un’immagine di sé. A questo si aggiunge poi che molte di queste ragazze soffrono di iperseborrea e, pertanto, necessitano di lavare i capelli molte volte nel corso della settimana. Ecco perché l’alopecia femminile ha un incredibile impatto sia psicologico che emotivo.

Parallelamente, esiste anche la caduta di capelli in una fase più matura della donna. Verificandosi nel periodo di vita corrispondente alla menopausa, quest’alopecia prende il nome di alopecia menopausale.

Sintomi e diagnosi della calvizie femminile

A differenza di quella maschile, l’alopecia femminile si manifesta con un diradamento diffuso su tutta la superficie cutanea. Oltre al cambiamento nella parte superiore, quindi, si verifica anche un cambiamento nella zona occipitale. Il capello - afferma la dottoressa Giannatiempo - subisce un cambiamento strutturale e tende a diventare sottile fino a diradarsi.


alopecia femminile rimedi



Per diagnosticare correttamente l’alopecia androgenetica femminile, è necessaria una visita tricologica accompagnata da esami di laboratorio che siano in grado di individuare eventuali stati carenziali. Più nel dettaglio, viene effettuata una trico-dermatoscopia, ovvero una tricoscopia che mediante un pattern tricoscopico individua i capelli terminali, i capelli intermedi, i capelli sottili e i vellus.

Alopecia femminile: cure topiche

Come precisa la dottoressa Giannatiempo, la terapia in uso e approvata per contrastare l’alopecia femminile è Minoxidil 2%. Spesso, questo farmaco viene utilizzato in combinazione con altri principi per favorire il processo di attivazione sulla papilla dermica così da stimolare la ricrescita del capello. Tra questi principi attivi, possiamo trovare l’acido retinoico, l’acido azelaico, l’estrone o il 17 alfa estradiolo. Si tratta di lozioni galeniche che vengono preparate e applicate due volte al giorno (ogni 12 ore) sulle zone diradate.

alopecia femminile


Seppur indispensabili per combattere la perdita di capelli, le terapie anti-DHT farmacologiche ad uso topico possono lasciare il capello secco e disidratato. In questi casi, si consiglia di selezionare detergenti e balsami specifici per la detersione quotidiana. Kmax Stimulating Leave-In Conditioner, ad esempio, è stato formulato proprio per contrastare la secchezza indotta dalle terapie anti-DHT. Parallelamente, tutta la linea Stimulating di Kmax sfrutta i più noti principi attivi anti-caduta e stimolanti (come il sopracitato acido azelaico) per bloccare la caduta dei capelli e velocizzarne la crescita.

Alopecia femminile: cure per via orale e integratori

L’iperandrogenismo non è l’unica causa della perdita di capelli nella donna. Spesso, infatti, essa viene incrementata da carenze alimentari specifiche, come la ferritina bassa. In questi casi, è necessario adottare una terapia combinata che, oltre alla cura ormonale, preveda anche l’assunzione a casa di integratori alimentari specifici.


alopecia femminile cure

Accanto poi a questa terapia domiciliare, vi è un altro tipo di terapia che si può adottare: la terapia ambulatoriale. Si tratta di trattamenti che possono essere effettuati presso uno studio tricologico che provvede a utilizzare un prodotto iniettivo a base di aminoacidi solforati, di multivitaminici (vitamine del gruppo B), di vitamina B6 e/o di zinco combinando così un’azione anti-DHT naturale.

Per le donne in età fertile, i possibili protocolli terapeutici per contrastare l’alopecia femminile sono questi.

In attesa dei risultati: il ruolo della cosmetica

L’alopecia femminile ha un grande impatto psicologico ed emotivo su chi la vive e chi sta affrontando questo disturbo vorrebbe ottenere risultati immediati. Purtroppo, le terapie anti-DHT richiedono tempo e costanza prima di iniziare a mostrare i primi risultati. Ecco perché è indispensabile rivolgersi tempestivamente ad un esperto.


alopecia femminile


In questi casi, però, c’è una grande alleata che viene in soccorso a chi sta combattendo la caduta di capelli ormonale: la cosmetica. Sul mercato, sono presenti una serie di prodotti di hair make-up formulati specificatamente per mascherare le aree diradate e coprire in modo naturale le imperfezioni. Microfibre di cheratina, fondotinta per capelli e spray colorati rappresentano una soluzione rapida ed efficace contro l’alopecia femminile intanto che si attendono i primi risultati. Proprio con questo obiettivo è stata formulata l’intera linea Concealing di Kmax.



Resta aggiornato!
La primavera sta per arrivare e con lei anche
la perdita di capelli stagionale.
Nel prossimo articolo, i migliori consigli
per combatterla con successo.